“La mia seconda volta”: un film per dire NO alle droghe !


E’ in uscita il prossimo 21 marzo 2019 nelle maggiori sale cinematografiche il film “La mia seconda volta”, prodotto da Simone Riccioni e distribuito dalla Dominus Production di Federica Picchi (la stessa che ha distribuito il film “Cristiada”)

Un film che parla di giovani, di ecstasy e del pericolo nascoso dietro il suo utilizzo.
Essendo Simone Riccioni (attore e produttore) un giovane della nostra Arcidiocesi di Fermo, lo abbiamo contattato per farci raccontare qualcosa in più di questo nuovo lavoro.

 

 

Ciao Simone, grazie per questa tua disponibilità a dedicarci del tempo per una chiacchierata.
Grazie a te don, grazie al Coordinamento Oratori Fermani per questa opportunità che mi sta dando e grazie a tutti coloro che dedicheranno del tempo per leggere il prodotto di questa nostra chiacchierata.
Un saluto speciale lo rivolgo ai ragazzi/e ed ai giovani che “vivono” l’oratorio ed a tutti gli animatori/educatori.

Noi dell’Arcidiocesi di Fermo ti conosciamo già in quanto sei di Corridonia, ma ti chiedo di dirci due parole su di te…
Mi chiamo Simone Riccioni, come hai ricordato tu vivo a Corridonia insieme alla mia famiglia (papà, mamma, un fratello ed una sorella) ma sono nato in Uganda il 5 settembre del 1988 mentre i miei genitori erano in missione come volontari laici per conto dell’AVSI. Arrivo in Italia a 10 anni e intorno ai 15 anni inizio i primi spettacoli teatrali parrocchiali con i Salesiani di Macerata. Ho giocato a basket nelle giovanili della Sutor Montegranaro militante in serie A. Da li inizia un percorso in salita ( con qualche gratificazione, sono sincero ) fatto di studio, impegno, sacrifici per poter dare vita ad un mio sogno: diventare attore e produttore.

Secondo me, mi odierai, ma … “Svizzero… ??”
(ride). Sapevo avresti tirato fuori questa cosa della pubblicità. Ma non ti odio, il buon Dio mi dice di amare i miei nemici !!!
Scherzi a parte… si, fra le cose belle che ho potuto fare prima dei tre film da me prodotti e che mi vedono come attore e produttore (“Come saltano i pesci”, “Tiro libero” e “La mia seconda volta”) ci sono state molte fiction (l’ultima in onda adesso, “Che Dio ci aiuti 5”), qualche altro film e delle pubblicità, fra cui quella che ricordavi tu, nella quale per molto tempo mi avete visto scalare una montagna in compagnia di una ragazza ed una barretta di cioccolato!

Hai parlato di spettacoli parrocchiali presso i salesiani di Macerata…
Si, potrei quasi dire che tutto è nato li. La voglia di teatro, la passione per la recitazione l’ho sempre avuta nel cuore, ma frequentare quel posto è stato un modo per farmi crescere ed incanalare le mie passioni nel verso giusto. Conservo un bel ricordo di quei momenti trascorsi dai salesiani, dove alternavo momenti più ludici a momenti più formativi. Gioco, animazione e preghiera. Davvero un bellissimo ambiente che auguro a tutti di trovare e dove sentirsi a casa.

Conosci la realtà degli oratori dell’Arcidiocesi ? Ed il C.O.F. (che non è un colpo di tosse…)?
Non è un colpo di tosse ? Ed io che ho sempre creduto lo fosse … (ride).
Torniamo seri: si certo, conosco il coordinamento e so che svolge un buon lavoro per mettere sempre più e sempre meglio in rete gli oratori presenti nel territorio della diocesi di Fermo, offrendo occasioni di incontro, formazione, preghiera. So anche che nel territorio diocesano sono presenti numerosi oratori, vissuti dai ragazzi e dai giovani come luoghi di ritrovo ed importanti punti di riferimento. Penso che il lavoro svolto da ogni oratorio, ognuno con la propria proposta educativa, sia un contributo fondamentale alla crescita sana dei nostri giovani!

Focalizziamoci sui giovani. Hai realizzato già due film trattando temi importanti (come la disabilità).
Anche questo terzo
lavoro, tratta un tema importante tra i giovani.
Ti va di parlarcene ?
Si certo. Innanzitutto due parole sul titolo, “La mia seconda volta”: un titolo semplice e forte allo stesso tempo che ci comunica subito la possibilità di migliorarci, correggere ciò che non va per dare vita ad una nuova realtà. Uscirà il prossimo 21 marzo nei cinema e tratta un tema di grande attualità: l’uso di droghe fra i giovani. Racconta la storia vera di Giorgia Benusiglio, che nel lontano 1999 con alcuni amici decise di assumere mezza pastiglia di ecstasy dicendo si a qualcosa che le ha mandato in necrosi il fegato in soli 7 giorni (epatite tossica fulminante).
Riuscirà a salvarsi solo grazie ad un trapianto di fegato.

Una storia forte, che vuole gridare a tutti il pericolo nascosto dietro l’assunzione di droghe…
Proprio così. Non possiamo rimanere in silenzio, e per quello che posso, ho cercato di mettere in campo le mie capacità e disponibilità per dare vita ad un film (La mia seconda volta, appunto) ed un progetto nelle scuole ( Cineducando ) attraverso i quali parlare di un tema troppo comune fra i giovani e che non dobbiamo sminuire. Mezza pasticca di ecstasy può ucciderti. Va detto.
I giovani vanno aiutati a capire, devono avere tutte le informazioni giuste per essere davvero liberi di decidere, e non imbeccati da chi con la droga vuole arricchirsi nascondendo i rischi ed i pericoli. Insieme a Federica Picchi della Dominus Production ed a Giorgia Benusiglio, come dicevo prima abbiamo dato vita ad un progetto che ci porterà nelle scuole a fare incontri, dibattiti, dialogare e metterci in ascolto dei giovani.

 

Spiegaci la tecnica del kintsugi, che già nel trailer del film possiamo vedere…
Il kintsugi è l’arte giapponese di riparare la ceramica. Rompendosi “in mille pezzi”, la ceramica prende nuova vita attraverso le linee di frattura dell’oggetto, che diventa ancora più pregiato proprio grazie alle sue cicatrici. Quest’arte prescrive l’uso di un metallo prezioso (oro o argento liquido…) per riunire i pezzi di un oggetto rotto, esaltando le nuove nervature create (di fatto, impreziosendole). L’arte di abbracciare il danno, di non vergognarsi delle ferite, è la delicata lezione simbolica suggerita da questa antica arte giapponese. Ci ricorda che c’è una alternativa all’istinto di buttare via qualcosa che si rompe, che sembra non possa servire più a niente. Imparando dai nostri sbagli e ripartendo dalle nostre ferite impreziosite dall’amore, possiamo tutti rialzarci e vivere la nostra “seconda volta”, senza farci frenare dalla vergogna o dal peso del giudizio.

Ok. Ti lascio libero di continuare con i tuoi mille impegni.
Grazie ancora del tempo che ci hai dedicato. Vuoi salutarci con un ultimo pensiero/invito ?
Beh si, innanzitutto vorrei ringraziarvi ancora per questo “spazio” che come COF mi avete offerto. È un modo per diffondere ancora di più il messaggio di prevenzione che con questo film vorrei far arrivare a tutti i giovani. Invito tutti al cinema a vedere questo mio ultimo lavoro e colgo l’occasione per rinnovare ai giovani l’invito a bussare alla porta (sempre aperta) dell’oratorio: non è uno spazio dal quale prendere le distanze in quanto, secondo alcuni, forse “troppo di chiesa”; anzi, è un posto dove sentirsi a casa, dove trovare occasioni di crescita e trovare persone che ci dedicano del tempo perché, in fondo, ci vogliono un bene dell’anima.
Ci vediamo al cinema il 21 marzo !

Simone Riccioni


Maggiori info:
FB “La mia seconda volta”, “Giorgia Benusiglio – prevenzione droghe”
https://www.dominusproduction.com/film/la-mia-seconda-volta.html

Share

Domenica 3 marzo il 2° incontro di formazione COF

“Dall’Idea… alla Proposta: progettare un percorso educativo”.
Questo il titolo del percorso formativo proposto dal Coordinamento Oratori Fermani, iniziato domenica 27 gennaio 2019 e che proseguirà domenica 3 marzo e domenica 7 aprile 2019.
Luogo del prossimo incontro sarà il Ricreatorio San Carlo (FM), sede del Coordinamento stesso.

Il ritrovo è fissato alle ore 08.30 per celebrare insieme la Santa Messa.
Dalle ore 9.15 alle ore 12.45 si svilupperanno due percorsi: il percorso educatori dal titolo “una sfida a tappe”, ed il percorso animatori, in cui si tratterà il laboratorio teatrale.

Non mancate !

 

Locandina formazione COF 2019

 

Share

Iniziato il percorso formativo COF 2018/2019 – Il 3 febbraio il 1° incontro

Si è svolto domenica 3 febbraio 2019 al Ricreatorio San Carlo il primo dei tre incontri di formazione organizzato dal Coordinamento Oratori Fermani (COF) ed aperto a tutti gli educatori ed animatori degli oratori dall’Arcidiocesi di Fermo. Una occasione per crescere nelle relazioni e nell’amicizia, ma anche una opportunità per formarsi! Filo conduttore del percorso di formazione 2018/2019 è l’aver attenzione al programmare una buona proposta di oratorio partendo da una idea, una storia, un film. I tre incontri permetteranno di conoscere come nasce una idea e quali passaggi attraversa prima di svilupparsi in una proposta concreta (di attività per un pomeriggio, un week end, un grest estivo di più settimane). L’incontro, iniziato alle 08.30 con la messa celebrata nella cappellina del San Carlo da don Michele Rogante, presidente del coordinamento, ha trattato un primo aspetto del percorso formativo, rivelando i “dietro le quinte” del sussidio con le attività per il periodo invernale preparato dal COF (Capitan COF e le cinque gemme). “Entrando” nel sussidio, i partecipanti hanno avuto modo di conoscere direttamente quali sono le attenzioni e gli aspetti da avere per dare vita ad una buona proposta di oratorio. Dopo una prima parte di ascolto, i partecipanti sono stati invitati a dividersi in 5 gruppi e mettersi in gioco nella progettazione, sperimentando di fatto in tempo reale quanto appreso poco prima. A conclusione del momento formativo, sono stati assegnati i premi del V concorso di presepi (Oratorio in presepe, Natale 2018) dal titolo: “Jesus, il mondo ha bisogno di Te!”; quattro i vincitori, con un primo classificato e tre menzioni speciali. Il vincitore del concorso è l’oratorio “I Care” di Montegranaro; menzione speciale all’oratorio Giovanni Paolo II di Sant’Elpidio a Mare per “l’originalità”, menzione speciale all’oratorio San Patrizio di Torre San Patrizio per “l’impatto scenico”, menzione speciale all’oratorio Dreamland di Fermo per l’attinenza al tema e coinvolgimento dei giovani animatori. Ad arricchire la giornata formativa, la presenza dei ragazzi del Servizio Civile del progetto Caritas e che prestano servizio in oratorio.

Vissuto il primo incontro, si è già proiettati al secondo (dei tre) incontro formativo in programma il prossimo 3 marzo sempre al Ricreatorio San Carlo di Fermo, con il solito programma (ore 08.30 celebrazione eucaristica; ore 09.30 inizio incontro formativo; ore 13.00 fine lavori).

 

 

Share

“Oratorio in presepe”: al via la quinta edizione

Non c’è vero Natale senza “Oratorio In Presepe”, il concorso di presepi che vede “sfidarsi” per il quinto anno consecutivo gli oratori dell’Arcidiocesi di Fermo, organizzato dal Coordinamento Oratori Fermani (C.O.F.). Per il prossimo Natale 2018, sulla scia del tema dell’anno e stimolati dalla figura di “Capitan COF”, arriva una locandina da “supereroi”!! Una città di Fermo che chiama sulla terra il Salvatore attraverso un fascio di luce che parte dalla cattedrale e si conclude con una cometa in mezzo al cielo. “Jesus, il mondo ha bisogno di te” è il titolo scelto dal C.O.F. all’interno del quale si è voluto racchiudere vari aspetti. Innanzitutto la centralità di Gesù nella storia dell’uomo e l’importanza della Sua incarnazione in vista della nostra Salvezza! Inoltre, pensando al tema 2018/2019, in cui ogni oratorio ed ogni componente dello stesso è chiamato ad impegnarsi a risvegliare e riscoprire l’importanza di fare bene la propria parte per una proposta oratoriana ed una società migliore, il titolo vuole richiamare il sano protagonismo attivo e fondamentale della Chiesa tutta, non fatta di immobili pupazzetti di gesso o di plastica, ma di uomini e donne, ragazzi e ragazze, bambini e bambine uniti dall’amore di Cristo, chiamati a spendersi per rendere Gesù presente nel mondo. Un mondo che ha davvero bisogno di Lui e per il quale gli oratori in primis sono chiamati ad un annuncio vivo e forte: risvegliare le 5 gemme di Capitan Cof permetterà a chiunque di assolvere bene questo compito così importante.

Le iscrizioni, da comunicare all’indirizzo email oratorifermani@gmail.com, scadono domenica 23 dicembre 2018.
Nel periodo di Natale (dal 27 dicembre al 6 gennaio) una equipe visiterà gli oratori per vedere dal vivo i presepi realizzati e per scattare qualche foto da pubblicare nel sito e nel profilo FB del C.O.F. Due saranno le categorie premiate: “miglior presepe” e “menzione speciale”. La valutazione speciale verrà effettuata mediante valutazione diretta dalla “giuria popolare” composta da tutti coloro che si recheranno al Ricreatorio San Carlo. La premiazione avverrà in occasione del primo incontro formativo domenica 3 febbraio 2019.
Forza, non resta che partecipare !

V-Concorso-presepi-Regolamento 2018

V-Concorso-presepi-Scheda Iscrizione 2018

 

 

Share

Servizio Civile in Oratorio: ecco come fare ! FASE 1 :)

Come anticipato tempo fa in una riunione di consulta, in accordo con la Caritas Diocesana di Fermo che progetta e coordina il Servizio Civile Nazionale in Diocesi attraverso la presentazione di un unico progetto “suddiviso” in tre settori (caritas, anziani, oratori), il C.O.F. sta lavorando per valutare la possibilità di coinvolgere nuovi oratori nel gruppo di quelli che già collaborano con la Caritas ospitando giovani dai 18 ai 29 anni che scelgono di fare l’importante esperienza del servizio civile.
Per poter essere coinvolti in questa fase 1 di progettazione, è necessario fare un primo sondaggio per valutare se, oltre al desiderio che ciascun oratorio potrebbe avere di ospitare giovani, ci sono anche le caratteristiche minime richieste (come ad es. fare parte del COF !!) ad ogni oratorio per permettere ai giovani di fare una esperienza positiva.
Di seguito trovare un file inviato dalla CARITAS ( scheda_indagine_oratori ) .
Se come oratorio siete interessati ad accogliere dei giovani del Servizio Civile, vi invito a compilare e rispedire lo stesso all’indirizzo email oratorifermani@gmail.com: in questo modo permetterete al COF di fare una prima mappatura e vagliare se e quali oratori possono essere coinvolti.
Compilazione ed invio … quanto prima ! 🙂
Share